Chi siamo

donne-in-bianco-nero

CLAUDIA
Non è facile incontrarla, le occasioni speciali però non se le perde.
Schiva e riservata, preferisce lavorare dietro le quinte giocando con le parole che si trasformano facilmente in descrizioni, racconti e stimoli per tutti noi.
Comunicare, incuriosire, suggestionare, questo è quello che Claudia sa fare, convinta com’è che per desiderare qualcosa, bisogna poterlo prima immaginare e perché no, anche sognare!

ERICA
Il nostro ‘vulcano’ creativo, sempre a caccia di idee.
Decisa, tenace e appassionata, difficile resistere al suo trascinante entusiasmo e ancora più difficile non entrare subito in confidenza con lei vista la sua simpatia e la sua generosa umanità.
Non sa cosa vuol dire annoiarsi, sempre in movimento e alla ricerca di novità da proporre ai nostri soci, impossibile fermarla e difficile raggiungerla una volta partita!
Frequentandola bene, quello che all’inizio è solo un sospetto diventa presto una certezza, Erica di notte non dorme ma pensa, pensa, pensa…
Creativa, amante del bello e dell’arte ovunque si trovi e sinceramente innamorata della nostra città, riesce facilmente a immaginare sempre nuovi percorsi culturali, a scoprire mostre particolari e  iniziative originali e stimolanti, non può farne a meno…si annoierebbe!

PAOLA
La nostra ‘padrona’ di casa.
E’ lei che troverai ad aspettarti sulla porta quando verrai a trovarci e sarà ancora  lei che vedrai scrutare l’orizzonte in attesa del tuo arrivo all’appuntamento vicino al tal monumento e alla tal ora.
Sarà sua anche la voce cordiale che risponderà al telefono dandoti generose informazioni su orari, costi e quant’altro.
Sorridente e affabile, sempre pronta a mescolarsi fra gli ospiti per scambiare chiacchiere autentiche e…ricette ! Paola, chi frequenta la nostra sede lo sa, in occasione di eventi, spettacoli o conferenze si trasforma  in ‘cuoca sopraffina’ preparando con ingredienti semplici ma gustosi, aperitivi creativi, sempre attenta alla qualità e alla genuinità degli ingredienti.
Non avete ancora provato il suo pane nero fatto con pasta madre o i suoi pomodorini al forno gratinati ? No? E’ un vero peccato!